Fidas, bambini teramani in scena per sensibilizzare alla donazione del sangue | Stampa |
Lunedì 05 Giugno 2017

edfwQuando la scuola sposa l’empatia e l’altruismo. È avvenuto ieri sera alla Fidas di Teramo dove, nel solco delle attività messe in campo dall’associazione per la promozione della donazione del sangue, si è tenuta una rappresentazione teatrale con dei protagonisti davvero originali. Sul palco, infatti, gli alunni della scuola primaria Cona di Teramo, che hanno vestito i panni di attori per una sera portando in scena la celeberrima opera di William Shakespeare, ‘Romeo e Giulietta’.
Obiettivo dell’iniziativa è stato quello di portare l’attenzione sull’importanza rivestita dal gesto della donazione, “un gesto – come ha precisato il presidente Fidas Teramo Pasquale Di Patre – che, se compiuto anche solo dal 3 per cento della popolazione italiana, allevierebbe una necessità sempre impellente, soprattutto in estate. Ci piace pensare che questa sera, nel cuore dei bambini e dei loro genitori, abbia attecchito l’idea di contribuire con un semplice gesto a salvare la vita di molte persone, oltre che a prendersi cura della propria, poiché donando si è sottoposti continuamente a controllo”.
Dello stesso avviso il dirigente scolastico Maria Letizia Fatigati, che ha sottolineato il piacere con il quale la scuola da lei presieduta ha accolto l’idea di collaborare con l’associazione teramana per un evento di tal genere. “E’ significativo pensare – ha ribadito – quanto i bambini donino amore e sorrisi incondizionatamente, senza nulla in cambio. La donazione del sangue deve essere un gesto così spontaneo, un dono di amore incondizionato. E in questo senso la scuola, che è tradizionalmente portatrice di sani valori, non poteva non cogliere al volo questa opportunità”.
Molto entusiasti anche i bambini, che hanno portato in scena la celebre tragedia con un’interpretazione davvero originale: la storia dei due innamorati è stata infatti ambientata nel nostro territorio, del quale, attraverso i dialoghi, sono stati evidenziati tradizioni e costumi. I dialoghi, in dialetto teramano, hanno visto i bambini impegnati soprattutto da un punto di vista linguistico, dimostrando capacità di interpretazione e autoironia. “Speriamo – ha concluso la vicepresidente Fidas Gabriella Di Egidio – di essere riusciti a stimolare i bambini, già a partire dalla scuola di base, affinchè siano loro stessi fruitori e promotori di uno stile di vita improntato all'atto volontario e gratuito all'interno della loro famiglia e della comunità allargata”.

  
1570 visite
 

Giuda live @ Officine Indipendenti (foto di Angelo Di Nicola)

Musica e Gusto...

ROBERT E LA BUONA SEMINA
rubrica di Musica e Gusto di Teramonews giradischi
seguici anche su Facebook seguici anche su Twitter

logo Wainet Web Agency sviluppo Siti Portali Web e App